Siti
Navigare Facile

Agrumeto E I Suoi Frutti

Agrumeto E Agrumi

Come accennato le maggiori specie di agrumeti prodotti in Italia, in ordine di importanza sono: il limone, l'arancio dolce, il mandarino e il bergamotto, in piccole quantità si coltivano anche il cedro e il chinotto; piuttosto rara è la coltivazione dell'arancio amaro e della limetta. Gli agrumi vanno soggetti a varie malattie e parassiti che ne danneggiano lo sviluppo e il prodotto e talvolta ne compromettono la vita.

I prodotti principali degli agrumeti sono i frutti, che nella massima parte si consumano come frutta fresca, si preparano anche sciroppati, in conserva, canditi e si usano per preparare bibite e liquori. Il succo dei frutti acidi si adopera in grandi quantità per la fabbricazione dell'acido citrico, dalle bucce dei frutti, dai fiori e dalle foglie si estraggono olii essenziali di gran pregio nell'industria della profumeria.

Il legno degli agrumeti, era anticamente apprezzato, oggi non ha più molta importanza, tuttavia in alcuni luoghi è ancora usato per piccoli lavori di ebanisteria, i fiori invece producono abbondante nettare, ricercatissimo dalle api che ne ricavano un miele di altissimo pregio.

Ma andiamo a descrivere nello specifico alcuni dei frutti che abbiamo citato: l'arancio, che nasce insieme ai suoi fiori riuniti in racemi in numero massimo di sei, sono molto profumati e vengono comunemente chiamati "zagare". La pianta può raggiungere un'altezza fino a 8-10 metri e la chioma abbastanza compatta, ha una caratteristica forma quasi conica, la fioritura avviene all'incirca nei mesi di marzo-aprile ed è solitamente unica nel corso di un'annata.

La pianta del limone invece è più piccola dell'arancio e per questo si presta a essere coltivata anche a scopo ornamentale. Contrariamente all'arancio le "zagare" di limone sono finemente profumate. L'importanza di questo frutto è nota a tutti, ad esempio l'alto valore di vitamine che ne contiene, in particolare la vitamina C. Il limone è a fioritura pressochè continua che nell'ambiente tipico della Sicilia, si verifica via via nei mesi di marzo, aprile-maggio, giugno-luglio, settembre-ottobre.